Multimedia arts e Musica

Home/Multimedia arts e Musica
Multimedia arts e Musica 2018-11-07T09:27:44+00:00

Multimedia arts

Nell’ambito delle visual e multimedia arts, l’attività di Martino Nicoletti si è essenzialmente rivolta alla produzione fotografica, di cortometraggi video e di performance. A parte la realizzazione di volumi fotografici e opere multimediali pubblicate con editori commerciali e presentate nella sezione “Scrittura”, parte del lavoro svolto ha preso forma nella creazione di creazione di artist’s books stampati in edizione limitata, nonché nella partecipazione a performance e mostre d’arte personali e collettive in Europa, Asia e USA.

In ambito prettamente visivo, l’attività Nicoletti si contraddistingue per la scelta di un approccio radicalmente “primitivista”, fondato sull’impiego di strumenti e tecniche ultra-vintage (box camera, fotografia stenopeica, pellicola super 8..): al di là degli intrinseci contenuti estetici, questa scelta è stata ispirata dal desiderio consapevole di riportare la produzione di immagini entro la dimensione di un approccio lento e discreto alla realtà.

Questa stessa opzione, fondandosi programmaticamente su una drastica limitazione della possibilità di controllo sull’atto fotografico o sulla ripresa cinematografica e sui suoi stessi risultati, si propone inoltre di indirizzare la produzione di immagini entro il vasto territorio dell’”aleatorio”. Si tratta qui di un aleatorio capace di permettere allo strumento fotografico o alla cinepresa stessa di esprimere senza impedimenti tutta la propria autonoma spontaneità.

Dal dominio della certezza, l’immagine torna così a quello della pura probabilità, con tutti i rischi e le possibilità che possono scaturirne: un radicale primitivismo visivo scelto come via privilegiata per liberare lo sguardo e come occasione propizia per l’emergere di paesaggi interiori.

Libri d’artista

 

Dei libri “opera d’arte”, realizzati in edizione limitata, che costituiscono il precipitato alchemico di esperienze di viaggio e di itinerari interiori.

 

 

Cortometraggi e video

 

Con una predilezione particolare per il mezzo visivo del Super 8, delle narrazioni poetiche poste sulla sottile linea che separa il visibile il onirico, il reale il surreale.

Portfolio

Una selezioni di alcuni lavori artistici.

Mostre e performances

2014

– Water memory. Mostra multimediale, Lassalle College of the Arts, Singapore

 2012

– Chuna wa tok (Calce e fango). Serie di opere di landscape art; Villaggio of Booni; Hindukush Pakistan

– Submerged Landscape. Mostra fotografica; Booni Community Centre; Villaggio di Village – Hindukush Pakistan

– Lo zoo delle donne giraffa. Mostra fotografica; Museo nazionale d’arte orientale “Giuseppe Tucci”, Roma

– The Zoo of the Giraffe Women. Videoinstallazione; Centre for Contemporary Art (CCA), Glasgow

2011

– Beuys e lo sciamano. Serie di installazioni; Museo di Palazzo della Penna; Comune di Perugia – Regione dell’Umbria; Perugia

– Ruins. Installazione; abitazione abbandonata; Lago Trasimeno; Umbria

2010

– Nomadi dell’invisibile. Mostra fotografica e installazione multimediale; Leonessa Museo Civico, Leonessa, Rieti

 2009

– Bangkok: i sogni di un morto. Installazione multimediale; Area Privata Gallery, Perugia

– Submerged Landscapes. Installazione fotografica; foresta di Mae Hong Son (Tailandia)

2008

– Kathmandu. Mostra fotografica; Fahrenheit 451, Roma

 2006

– Warlungma. Performance di danza Butoh; Tempio buddhista di Wat Nyuttitham, Champasak (Laos)

2014

– Show Cabinet. Installazione multimediale; Show Studio, Londra

 2012

– Kathmandu: disiecta membra. Mostra fotografica e scultura sonora; “Stazione di Topolò”, Udine

– The Last Mile. Installazione multimediale ; The Bonnafont Gallery, San Francisco

– I Must not Look You in the Eyes. Videoinstallazione; Sound Thought – The Arches, Glasgow

2011

– The Nine Doors. Video installazione; Sala Santa Rita; Comune di Roma; Roma

– Lo zoo delle donne giraffa. Mostra fotografica e installazione multimediale; “Stazione di Topolò”, Udine

– Le nove porte. Installazione video; Castello Brancaccio, Comune di San Gregorio di Sassola (RM)

2010

– A Shadow in a Wardrobe: Memories. Performance, Silpakorn University, Bangkok

– Taswir: tracce (in collaborazione con Chaturman Rai). Mostra fotografica e installazione multimediale; “Stazione di Topolò”, Udine

– Stenopeica. Installazione fotografica; Silpakorn University, Bangkok

2008

– Leçons de ténèbres. Mostra fotografica personale e installazione multimediale; Fattoria San Giuseppe, Spello

– Mekong Monsoon. Mostra fotografica; “Stazione di Topolò”, Udine

– Visita di cortesia. Installazione; “Casa d’Arte”, Spello

2005

– Disturbare le valanghe. Performance di danza Butoh; Teatro Furio Camillo, Roma

2003

– Cosmogonia. Performance; Palazzo delle Papesse – Centro Arte Contemporanea, Siena

2011

Beuys e lo sciamano: estasi, rito e arte. Mostra multimediale dedicata alla collezione delle Lavagne di Joseph Beuys, ospitate presso il Museo civico di Palazzo della Penna di Perugia. Comune di Perugia – Regione dell’Umbria; Museo Civico Palazzo Penna, Perugia;

Le nove porte: sciamanesimo e arte contemporanea. Mostra multimediale collettiva. Comune di Roma; Sala Santa Rita, Roma;

2010

Nomadi dell’invisibile. Mostra fotografica e installazione multimediale; Leonessa Museo Civico, Leonessa, Rieti;

Taswir: tracce (in collaborazione con Chaturman Rai). Mostra fotografica e installazione multimediale; “Stazione di Topolò”, Udine;

2009

– Chod: il sacrifico di sé. Mostra fotografica e installazione multimediale; Sala Santa Rita; Comune di Roma, Roma;

Musica

Nel campo della produzione musicale, Martino Nicoletti, in collaborazione con il compositore e ingegnere del suono Roberto Passuti, ha nell’ultimo decennio dato vita a due distinte iniziative:

  • L’etichetta e formazione musicale STENOPEICA, dedicata essenzialmente alle produzioni multimediali e alla musica sperimentale contemporanea.
  • La collezione SEEDS OF SOUND IN THE AUTUMN OF POWER, che rappresenta invece una collana dedicata alla musica etnica e alla diffusione di patrimoni musicali connessi soprattutto con l’area Himalayana e l’Asia meridionale. Utilizzando registrazioni effettuate direttamente sul campo da Martino Nicoletti, la collana si propone di far conoscere al grande pubblico tradizioni musicali sacre poco note o, oggigiorno, a forte rischio di estinzione. I CD-book e i CD che compongono la collana, realizzati attraverso un attento lavoro di ricerca preliminare, si contraddistinguono per un elevato livello della loro qualità sonora e per la grande attenzione riservata alla dimensione estetica dei prodotti stessi, spesso accompagnati da una vasta serie di testi introduttivi e da una larga selezione di immagini fotografiche.