Loading...
Home-it 2018-03-30T08:53:43+00:00

Alcune persone mi dicono: “Questo tempo è così terribile, così duro… Come si può praticare con successo in questo tempo così difficile?”

Io rispondo: “Benedite il Kali Yuga! Beneditelo con tutto voi stessi!

Ogni istante è pratica! Ogni passo è pratica! Ogni esperienza è pratica! Ogni incontro è pratica! Ogni respiro è pratica! Tutto è scoperchiato! Tutto è rivelato! Tutto è trasparente! Tutto risplende con la luce di un diamante! Mai un tempo è stato così propizio! Vi sia sufficiente mantenere la consapevolezza, che la pratica e i suoi frutti spontaneamente matureranno.

Non trattenete nulla nelle vostre mani! Nulla trattenete nella vostra mente! Nulla trattenete nel vostro cuore! Nudi, lasciate semplicemente che la brezza soffi! Nudi, semplicemente danzate come filo d’erba mosso dal vento!”

Martino Nicoletti

News

SERATA DI MEDITAZIONE – 29 giugno in région parisienne

La période autour du solstice d’été est le moment le plus propice de toute l’année : les forces subtiles de l’univers autour de nous se trouvent [...]

IL LIBRO “CORPO E PREGHIERA” DI JEAN ABSAT NELL’ASHRAM CRISTIANO DI SHANTIVANAM IN INDIA

Durante la sua recente visita all’ashram di Shantivanam in Tamil Nadu, Martino Nicoletti ha fatto dono di una copia del volume di Jean Absat “Corpo e [...]

STAGE: “RICONNETTRESI AL PROPRIO ASSE MASCHILE/FEMMINILE” (Francia, il 17 giugno 2018)

Cet atelier vous propose un travail intégral corporel destiné à stimuler vos énergies féminines et masculines, aussi bien celles qui sont reliées à votre corps, [...]

FIBROMIALGIA: VINCERLA GRAZIE ALLA CONSAPEVOLEZZA CORPOREA

Quando il corpo diventa una prigione e quando il movimento può dargli nuovamente delle ali…   Parto da un’evidenza: soltanto le persone colpite dalla fibromialgia [...]

Riconnetterci al nostro corpo così da immergersi nella Sorgente infinita della nostra autentica esistenza terrestre.

“…L’acqua serba davvero tanti ricordi, Nina. Ricordi fluidi, inafferrabili. Ricordi che diventano voci per chi sa rendersi simile all’oceano”.

Da: Anime di sabbia (romanzo)

Mondi lontani, evocati unicamente attraverso gli strumenti della sparizione e dell’assenza. Universi in sospensione, interpretati grazie a un potente primitivismo visivo.

Opere